Scusa Brent ...” sussurri mentre con mani tremanti afferri l’accendino dalla tasca della guardia priva di sensi. “Mi dispiace, ma non avevo altra scelta”

Sono nove lunghi anni che aspetti questo momento. Sin da quando ti hanno sbattuto in questa prigione ad alta sorveglianza chiamata “Iudicium”, dopo averti condannato per il tentato assassinio del Presidente. Non che fossi veramente colpevole, ma l’organizzazione che ti addossò la colpa fu così meticolosa che nessuno credette nella tua innocenza.

Questa mattina sei stato preso in custodia da tre cupe guardie e portato nell’ufficio del direttore...

Pare che abbia avuto un problema col computer e che abbia bisogno che tu lo risolva subito. Dato che sei l’unico sull’isola ad avere conoscenze in ambito informatico, chiede spesso il tuo aiuto. Questa volta, il problema era più complicato del solito: era stato sottoposto ad un grave cyber-attacco. Tutto secondo i piani.

Mentre eri impegnato a contrastare quest’attacco, il direttore ha ricevuto una telefonata urgente. A quanto pare, c’era in corso una vera e propria rivolta nel blocco delle celle, scatenata da uno dei tuoi undici compagni di prigionia. Il  direttore si era affrettato ad uscire dal suo ufficio, portando con sè due guardie. Eri stato lasciato indietro sotto la sorveglianza di una sola guardia, Brent. Ed hai colto l’occasione giusta per sopraffarlo.

Con in mano l’accendino, ti avvicini alla scrivania del direttore ed apri il primo cassetto. All’interno trovi una chiave e il badge del direttore. Dai il via al tuo piano di fuga e simbolicamente spunti il primo punto della tua lista di cose da fare bruciando la lista stessa con l’accendino di Brent. L’allarme antincendio suona. La tua fuga è iniziata!

Hai un’ora per scappare dall’isola prima che, in accordo col protocollo, le guardie sigillino completamente gli accessi dell’isola....