Che brutto momento per svenire! Uccideresti la tua compagna di laboratorio, ma sai che non sarà necessario: il liquido che sta sgorgando dall’ampolla che ha fatto infrangere sul pavimento ucciderà in ogni caso tutti quelli che si trovano nella stanza ben presto. Non c’è tempo per discutere su chi abbia la colpa: tu e i tuoi compagni di laboratorio dovete lavorare insieme se volete sopravvivere.

Lavori col Professor Felsman da diverso tempo. Non è un uomo piacevole.

Non è mai gentile nei confronti di nessuno, ma è il migliore nel suo campo. Il professore non lascia mai il laboratorio se qualcuno è ancora all’interno e si accerta sempre che tutti i materiali pericolosi siano messi al sicuro. E non al sicuro in modo normale. Il Professor Felsman infatti è più il tipo da “teorie del complotto”: controlla sempre che nessuno lo spii per rubare le sue invenzioni e le uniche persone di cui si fida sono suo figlio e sua figlia

Il suo atteggiamento di sfiducia e le sue teorie di cospirazione rendono ancora più strano il fatto che nel pomeriggio abbia lasciato quell’ampolla verde incustodita. È scappato di corsa, lasciando il cappello e la giacca sull’attaccapanni. Il professore non va mai da nessuna parte senza il suo cappello! Uscendo, ha detto solamente: “Mettete quell’ampolla nell’armadietto e non fatela cadere per nessuna ragione!

Nessuno sa a cosa stia lavorando il professore al momento, ma si tratta certamente di qualche affare importante. L’unica cosa che ha detto è che potrebbe fare grandi cose nelle mani giuste, ma nelle mani sbagliate potrebbe sconvolgere irreparabilmente il pianeta.

Le mani della tua compagna di laboratorio erano decisamente le mani sbagliate per maneggiare quell’ampolla. A tre passi dall’armadietto, l’ansia ha preso il sopravvento su di lei: hai realizzato subito che vi trovavate in guai seri non appena i suoi occhi si sono ribaltati all’indietro ed è svenuta. Ti è sembrato che la scena andasse al rallentatore, mentre l’ampolla le cadeva dalle mani e si infrangeva sul pavimento rompendosi in mille pezzi… E i fumi provenienti dall’ampolla hanno riempito immediatamente i polmoni di tutti i presenti

Hai chiamato velocemente il professore ma sembrava avere i suoi problemi. Correva e il suo respiro era affannoso. Le uniche parole che sei riuscito a cogliere durante la telefonata disturbata da interferenze sono state “idioti... morti in un’ora... antidoto... caveau”. Poi è caduta la linea. Hai provato a richiamarlo ma è partita la segreteria. Sai che non c’è tempo da perdere e nessuno al mondo potrebbe aiutarvi. Spingi via il carrello e vedi il caveau. È sigillato. Provi ad aprire i cassetti della scrivania. Solo uno non è chiuso a chiave. Quello che trovi all’interno potrebbe rivelarsi fondamentale: è la vostra unica speranza!